Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia
Sistema Informativo Regionale Ambientale

Carta della Natura del Friuli Venezia Giulia


Carta habitatMassiccio del Canin da Alpe di Montasio R. GiorgiCarta della Natura habitat dettaglioTorrente Resia R. GiorgiCarta della Natura valore ecologicoLaguna Marano R. GiorgiCarta della Natura sensibilità ecologica dettaglioAmbiente alofilo costiero R. GiorgiCarta fragilità ambientaleLariceti C. Francescato

La “Carta della Natura” del Friuli Venezia Giulia è un sistema informativo territoriale (SIT o GIS) che fornisce una rappresentazione aggiornabile e dinamica del patrimonio ecologico-naturalistico dell’ intero territorio regionale e del suo livello di qualità e vulnerabilità. Costituisce uno strumento fondamentale di supporto alle decisioni nella valutazione ambientale (VIA e VAS), nella pianificazione territoriale e nella programmazione delle politiche di tutela e gestione delle risorse naturali e, in generale, delle politiche di settore a scala regionale e locale.
Essa consente, infatti, l’individuazione e la valutazione di aree a rischio soggette a degrado per eccessiva pressione antropica e l’individuazione delle linee di assetto del territorio al fine di bilanciare le necessita della conservazione dei valori ambientali con le esigenze dello sviluppo socio-economico.
Carta della Natura è un progetto nazionale previsto dalla Legge Quadro per le Aree Naturali protette n. 394/91 sviluppato nell’ambito di specifici progetti di ricerca e coordinato da ISPRA – Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (già APAT - Agenzia per la protezione ambientale e Servizi tecnici).

 
Carta della Natura alla scala 1:250.000

Costituisce uno strumento conoscitivo dello stato dell’ambiente naturale e del grado di qualità e vulnerabilità ad una scala di livello nazionale.
Il progetto è stato sviluppato da ISPRA e dal Dipartimento di Biologia dell’Università di Trieste per il territorio delle regioni Friuli Venezia Giulia e Veneto.
Il prodotto si compone di uno strato cartografico informativo di base rappresentato dalla Carta della Unità fisiografiche di paesaggio. Essa è la rappresentazione del territorio fondata sull’individuazione di unità omogenee di base, le Unità di Paesaggio (secondo la Landscape Ecology) classificate secondo una legenda delle tipologie di paesaggio messa a punto per il territorio italiano. 
Per ogni Unità viene stimata la qualità ambientale, il rischio per frammentazione, il disturbo antropico e la vulnerabilità territoriale. Gli indicatori impiegati considerano aspetti istituzionali, ecologici e strutturali.

 
Carta della Natura alla scala 1:50.000

Costituisce uno strumento conoscitivo dello stato dell’ambiente naturale e del grado di qualità e vulnerabilità ad una scala di livello regionale.
Il progetto è stato realizzato dal Dipartimento di Biologia dell’Università di Trieste e dal Servizio VIA della Direzione centrale ambiente e lavori pubblici, in collaborazione con ISPRA.
Lo strato informativo di base di Carta della Natura è costituito dalla Carta degli habitat, che rappresenta la cartografia del mosaico di unità ambientali omogenee del territorio regionale identificate secondo il sistema di classificazione CORINE Biotopes (CEC, 1991). Queste sono valutate per stimare il valore ecologico, inteso come qualità/pregio naturalistico, la sensibilità ecologica intrinseca e la pressione antropica (disturbo). Dalla combinazione di questi ultimi parametri viene identificato il livello di Fragilità ambientale, che esprime, sulla base di fattori intrinseci ed estrinseci, il grado di predisposizione di un biotopo a subire un danno o perdere la propria integrità/identità.

Consulta e scarica:

 
Carta degli habitat e valutazione alla scala 1:10.000

Sono state realizzate le cartografie degli habitat classificati secondo un sistema messo a punto specificatamente per le caratteristiche biogeografiche ed ecologiche del FVG (Manuale degli habitat FVG), per le aree di seguito indicate:
 

  • Laguna di Marano e Grado (corrispondente al SIC IT3320037; cartografia multiscala: scala 1:25.000 per gli ecosistemi acquatici, scala 1:10.000 per gli ambiti terrestri);
     
  • Fascia costiera triestina (scala 1:10.000), comprendente anche gli ambiti marini fino al limite inferiore del piano infralitorale, circa 5 – 6 m di profondità;
  • Magredi del Cellina (corrispondente al SIC IT3310009; scala 1:10.000);
  • Monti Auernig e Corona (corrispondente al SIC IT3320004; scala 1:10.000).


Il progetto è stato realizzato dal Dipartimento di Biologia dell’Università di Trieste  e dal  Servizio VIA della Direzione centrale ambiente e lavori pubblici.
Sulla cartografia sopra indicata è stato messo a punto un modello per valutare la qualità e   lo stato di conservazione degli habitat mediante l’applicazione del metodo di Estimo Ambientale Intrinseco (EsAmbI).  

Consulta e scarica la Relazione illustrativa e le mappe delle quattro aree:

Metodologia di rilevamento dati e cartografia
Laguna di Marano e Grado: relazione illustrativa, cartografia (carte habitat, carte di valutazione, natura 2000), formato Shapefile, formato Geomedia Access (mdb)
Fascia costiera triestina: relazione illustrativa, cartografia, formato Shapefile, formato Geomedia Access (mdb)
Magredi del Cellina: relazione illustrativa, cartografia, formato Shapefile, formato Geomedia Access (mdb)
Monti Auernig e Corona: relazione illustrativa, cartografia, formato Shapefile, formato Geomedia Access (mdb)